p.mercato.jpg

Brand Identity in 5 mosse

29 gennaio 2021

brand identity shutterstock_253887025La Brand Identity è la chiave per cui ti rendi unico e inconfondibile. È la voce del tuo marchio e dei tuoi valori ed è l’immagine che vuoi dare alla tua azienda.

La Brand identity non si compone solo di segni grafici ma racchiude in sé molti elementi strategici che hanno un unico obiettivo: la riconoscibilità.

Per costruire l’identità del brand bisogna prima mettere a fuoco mission e vision aziendale e porsi le domande:

  • qual è il mio obiettivo
  • cosa rappresenta la mia azienda

Scopriamo adesso i 5 passi fondamentali da seguire per creare la tua Brand Identity

  1. Come e perché nasce il brand

Il primo importantissimo passo per costruire l’identità del tuo brand è comprendere innanzitutto ciò che ha portato alla nascita del marchio.

  • Qual è la storia che accompagna il tuo brand?
  • Qual è l’immagine che vuoi dare al brand?
  • Che cosa lo rappresenta al meglio?
  • Quali sono i suoi valori etici?
  1. Cosa trasmette il brand

Raccolte le informazioni preliminari per definire l’identità del brand, è importante organizzarle immaginando un visual, per focalizzare l’attenzione su ciò che il brand intende trasmettere ai suoi possibili acquirenti.

Per farlo, ad esempio, inizia evidenziando quali immagini possono evocare dei sentimenti legati al tuo brand: colori, oggetti, situazioni di vita quotidiana… Allo stesso modo puoi identificare degli aggettivi: autentico, elegante, solidale, inclusivo, etico, solido…

Identificare le immagini e gli aggettivi ti aiuterà a decidere lo stile di comunicazione che vorrai dare alla tua strategia.

  1. Sviluppo del logo

Siamo alla fase più complessa. Se non hai ancora deciso il naming del brand occorrerà valutare tantissimi fattori prima di raggiungere l’idea vincente che identificherà perfettamente la brand identity. Qualche consiglio:

  • Fai un attento studio che non esistano già naming  simili
  • Crea un nome d’impatto, facile da ricordare evitando le banalità
  • In ugual modo cerca un naming comprensibile al tuo target di riferimento
  • Infine, gioca scovando sinonimi, contrari, definizioni per trovare l’idea vincente

Una volta deciso il naming, si passa alla sua rappresentazione grafica che potrà essere costituita dalla sola scritta, il logotipo, oppure anche da un simbolo grafico o pittogramma. Importante mantenere la semplicità e che sia un logo adattabile a qualsiasi supporto e situazione (tessuto, insegna, carta stampata, web). Attenzione anche alla scelta dei colori, poiché ciascuno evoca delle differenti emozioni.

  1. Strategia e Tone of voice

Una volta che hai impostato correttamente il logo e individuato gli obiettivi di ciò che vuoi trasmettere, inizia a pianificare una strategia di comunicazione, stabilendone il Tone of Voice, ossia lo stile che intendi conferire alla comunicazione del tuo brand. Pertanto sarà necessario, innanzitutto, identificare il target di riferimento e monitorarne i comportamenti per comprendere come rendere sempre più efficace la comunicazione.

  1. Definire i mezzi

Siamo giunti alla fine della prima fase della Brand Identity ed ora è il momento di farsi conoscere. Individuato il target di riferimento, scelta la strategia di comunicazione e il Tone of Voice, ora studia attentamente tutte le azioni da percorrere per far conoscere il tuo brand selezionando i canali media più idonei al marchio, preferendo sempre un’attività omni-channel. Prevedi anche azioni di public relation, di ufficio stampa e di social media. Attività che si andranno ad affiancare a tutta la strategia marketing che avrai individuato per il tuo brand.

Per la tua Brand Identity scrivici per ricevere una consulenza: info@halocomunicazione.it 





Tag:, , , , , , , , , , , .
Categorie: homepageMercatoNews

Empatia fa rima con storydoing

7 gennaio 2021

storydoing halo comunicazioneQuando una storia ci tocca veramente? Quando ci fa scattare una scintilla di interesse? Quando ci appassiona? La risposta potrebbe apparire semplice e scontata “Quando una storia è interessante, non banale, quando la narrazione è coinvolgente, quando tocca il cuore ed emoziona.” Ma questo non basta. Non basta soprattutto oggi, dove la pervasività dei social incide in modo sempre più significativo sull’atteggiamento delle persone.

A causa della pandemia che ha investito prepotentemente l’economia mondiale e a seguito della trasformazione digitale che si è rivelata fondamentale per mantenere alta la competitività delle aziende, i modelli di business, gli approcci comunicativi e le campagne di marketing sono gli aspetti che le organizzazioni sono chiamati a ripensare e ridefinire. L’empatia è pertanto uno degli obiettivi di qualsiasi strategia di marketing.

Nuovi brand ambassador

Nel costruire la storia di un brand o nel raccontare un prodotto, suscitare emozioni facendo leva su valori con i quali l’utente possa identificarsi, pratica propria dello storytelling, sembra piuttosto scontato. Diverso è invece lavorare sulle passioni, sui rapporti da coltivare, sulle inclinazioni personali, sulle esperienze e far diventare quell’utente un vero e proprio brand ambassador. Come? Rendendolo co-protagonista delle storie. Facendolo interagire, sollecitandolo ad esprimersi, coinvolgendolo quale parte integrante del progetto dell’azienda. In questo modo si risponde meglio a quelle che sono le domande più ricorrenti del consumatore “Cosa potrebbe fare quel brand per me? Perché dovrei sceglierlo? Perché quel prodotto e non un altro? Cosa rende questo prodotto tanto speciale?”. È così che la comunicazione del brand diventa di reale utilità per l’utente.

È qui che entra in gioco lo storydoing

Questa forma di comunicazione racconta il rapporto tra il brand e il proprio consumatore in una chiave concettuale differente, più vicina alle attuali modalità di ingaggio e relazione con il cliente. Una comunicazione che comincia dal cuore stesso dell’organizzazione, dalle attività intraprese, ridefinite in base all’ascolto attivo e costante del proprio target e al fattivo coinvolgimento dello stesso. Una comunicazione che significa passare dalle parole ad azioni notevoli, tangibili e misurabili.

In quest’ottica, il cambiamento richiede all’azienda una maggiore sintonia con gli attuali mutamenti sociali e civili, laddove la qualità della vita, il work life balance, il wellbeing, l’inclusione, la digital transformation, il rispetto dell’ambiente, la responsabilità e la partecipazione al raggiungimento del bene comune, sono temi che non possono essere ignorati. Questo significa anche una particolare attenzione verso la scelta dei propri dipendenti e le partnership dell’azienda con marchi che condividano gli stessi valori. Ma l’aspetto determinante è la modalità con la quale i contenuti vengono trasmessi, la stretta relazione fra la promessa e la realtà dei fatti e, di conseguenza, la coerenza fra ciò che si fa e ciò che viene comunicato.

Una storia che ogni azienda deve costruire day by day, che vive e fa vivere ai propri clienti in una narrazione più aperta, che risponda a desideri effettivi e non a logiche commerciali, ponendo l’accento sull’esperienza immersiva e totale dell’utente e sulla costante interazione delle parti.

Gli obiettivi della storia 

  • cosa si vuole che le persone sappiano
  • cosa si vuole che le persone provino
  • cosa si vuole che le persone facciano 

Ma quali sono gli elementi imprescindibili della storia?

Esperienza. Sebbene ci sia una diffusa attitudine all’uso dei social, l’esperienza fisica, olfattiva o sensoriale che sia, rimane sempre quella più gratificante. Uno storydoing che si rispetti deve portare all’esperienza. Non parole, ma fatti!

Chiarezza e autenticità. La storia deve essere chiara e autentica per essere veramente credibile e generare reazioni positive negli utenti.

Semplicità è un altro punto focale dello storydoing. Semplificare per rendere la vita più facile, l’esperienza più accessibile, immediata e meno onerosa, oltre che per portare l’utente all’azione.

I vantaggi dello storydoing?

  • Maggior engagement
  • Incremento dei brand ambassador
  • Campagne più efficienti, coinvolgenti e profittevoli
  • Credibilità del marchio
  • Fidelizzazione al brand

A cura di Halo Comunicazione





Tag:, , , , , , , , , .
Categorie: homepageMercatoNews

Mercato

Collabora con noi | Privacy e Cookie Policy Privacy Policy

Copyright © 2014 Halo Comunicazione
Halo Comunicazione Viale Campania, 58 | 20900 Monza
| P. Iva 02015160969 | REA Milano 1222051